ALÌ PER IL SOCIALE

condividi

Progetti Conclusi 2016-2017

CUAMM - MEDICI CON L'AFRICA

dal 2007 al 2017 abbiamo donato complessivamente 265.594 euro!

La solidarietà fa buon sangue, la tua spesa non è mai stata così importante

Con il tuo aiuto possiamo garantire 2.000 trasfusioni sicure per le mamme e i bambini negli ospedali di Angola, Etiopia, Tanzania e Uganda, dove opera Medici con l’Africa CUAMM

“Solo un anno fa la banca del sangue qui a Wolisso non esisteva ancora, al suo posto c’era solo un edificio vuoto. Poi a settembre l’inaugurazione, l’inizio delle attività e con esse anche delle prime difficoltà: senza il generatore, dovevamo trasportare tutte le sacche nel frigorifero dell’ospedale ogni volta che saltava la luce (praticamente ogni giorno). E i donatori? Neanche i familiari più stretti a volte accettano di donare sangue ai loro cari. Manca ancora la cultura della donazione, sostituita al contrario dai pregiudizi più strani sui rischi per il donatore: diventare pazzo, non riuscire ad avere figli. La strada è ancora lunga, certo, ma è emozionante vedere i primi risultati del lavoro di sensibilizzazione, educazione e promozione nelle scuole e nei luoghi di aggregazione”. Arianna Bortolani, Medici con l’Africa Cuamm, ospedale San Luca di Wolisso, giugno 2014.

Ovunque nel mondo la donazione del sangue è un gesto d’amore; in Africa non è mai scontato perché spesso mancano donatori disponibili, strumenti per testare il sangue raccolto o presidi per conservarlo. Accade così che un’emorragia provochi, con drammatica facilità, la morte di una giovane mamma o di un bambino colpito da malaria.

Nel 2014, per il secondo anno consecutivo, Alì Supermercati è al fianco di Avis Veneto e Medici con l’Africa Cuamm. Insieme vogliamo garantire la disponibilità di sangue per la cura dei bambini e delle donne in gravidanza in 4 ospedali di Angola, Etiopia, Tanzania e Uganda.

Grazie a te che sceglierai di destinare i punti della spesa a questo progetto, potremo formare medici e infermieri locali sulla corretta gestione delle trasfusioni, coinvolgere scuole e autorità per incentivare sempre più persone alla donazione, garantire la presenza in ogni ospedale di attrezzature per eseguire i test sul sangue raccolto e di strutture per conservarlo adeguatamente.

Se vuoi sapere o fare ancora di più, visita i siti www.avisveneto.it, www.mediciconlafrica.org oppure guarda il nostro impegno per le mamme e i bambini in Africa

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

BANCO ALIMENTARE DEL VENETO

dal 2011 al 2017 abbiamo donato complessivamente 8370 kit alimentari (pari a 515 quintali)!

Dona un kit alimentare a chi ne ha più bisogno!

Il kit alimentare è composto da:

  • Pasta di semola Barilla mezze penne gr 500
  • Passata casereccia Vale ml 700
  • Tonno Maruzzella in olio di oliva gr 100x2
  • Fagioli borlotti Buonaterra gr 500
  • Piselli medi Vale gr 400x3
  • Fette biscottate GrissinBon classiche gr 250
  • Frollini con panna Vale gr 700

La nostra attività si basa sulla gratuità. Con il tuo aiuto potremo migliorare la nostra attività a sostegno delle Strutture Caritative che aiutano quotidianamentei più bisognosi tra noi.

EMERGENZA ALIMENTARE ITALIA

Il numero di persone in difficoltà in Italia è in continuo aumento. Dal comunicato dell’Istat del 14 luglio 2014 emerge che nel 2013 le persone in stato di povertà assoluta sono 6 milioni 20 mila (pari al 9,9% della popolazione italiana, 2 milioni 28 mila famiglie), di cui 1 milione 434 mila sono minori e 888 mila anziani.

Nel 2013 sono oltre 4.000.000 le persone in stato di povertà alimentare in Italia (nel 2011 erano 3,5 milioni) e il numero è in aumento. Tra questi il 10% sono bambini con meno di 5 anni di età (7% nel 2011) e il 14% over 65 anni (11% nel 2011).

Inoltre a dicembre 2013 si è concluso il programma europeo di aiuto alimentare (PEAD), aggravando ulteriormente questa situazione: siamo in “EMERGENZA ALIMENTARE ITALIA”. In attesa che anche nel nostro Paese parta al più presto il nuovo fondo di aiuti agli indigenti, approvato dall’Unione Europea, chiediamo il contributo di ognuno: perché tutti possiamo fare qualcosa! Grazie a te la Rete Banco Alimentare potrà continuare ad aiutare 8.898 Strutture Caritative che assistono ogni giorno 1.950.000 poveri in tutt’Italia.

BANCO ALIMENTARE NEL VENETO ONLUS

Dal 1989 Banco Alimentare recupera in tutt’Italia alimenti ancora integri e non scaduti che sarebbero però destinati alla distruzione, perché non più commercializzabili. Salvati dallo spreco, riacquistano valore e diventano ricchezza per chi ha troppo poco.

L’Associazione Banco Alimentare del Veneto Onlus appartiene alla Rete Banco Alimentare e dal 1993 recupera le eccedenze dalla filiera agro-alimentare e le ridistribuisce alle Strutture Caritative di tutto il Veneto.

Nel 2013, grazie all’aiuto appassionato di 140 volontari, sono state recuperate oltre 4.439 tonnellate di cibo, che è stato ridistribuito a 480 Strutture Caritative quali: mense per indigenti, centri di accoglienza per anziani, minori e ragazze madri, comunità e cooperative sociali di recupero, Caritas parrocchiali, San Vincenzo, etc., le quali offrono quotidianamente aiuto alimentare ad oltre 103.700 persone bisognose del Veneto.

Se vuoi conoscerci meglio, visita il sito www.bancoalimentare.it/it/veneto, oppure chiama 045 8347929.

Puoi sostenere questo progetto anche con un bonifico bancario sul c/c Banca Popolare di Verona Ag Zai - Golosine

IBAN IT31Q0503411710000000025449 o devolvendo il 5xMILLE a FONDAZIONE BANCO ALIMENTARE ONLUS C.F. 97075370151

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ENPA - ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI

L’ENPA è la più antica Associazione Italiana per la protezione degli animali. Le sue origini risalgono all’1 aprile 1871, quando Giuseppe Garibaldi fondò a Torino la Società Reale per la Protezione degli Animali.

Dona un aiuto ai cani e gatti randagi o abbandonati con alimenti e sterilizzazione.

Le donazioni raccolte saranno devolute alle sedi dell’ENPA della Regione Veneto, e delle provincie di Ferrara e Udine.

GLI ANIMALI NON HANNO SANTI IN PARADISO, AIUTA CHI LI PROTEGGE IN TERRA.

Oggi l’Ente Nazionale Protezione Animali è un’Associazione senza scopo di lucro, riconosciuta Ente Morale, che opera in tutta Italia attraverso i suoi Volontari e le sue Guardie Zoofile Volontarie, costantemente impegnati nella cura e nel soccorso di tanti animali feriti, abbandonati e bisognosi e nella lotta a tutti i fenomeni di maltrattamento di cui gli animali sono vittime.

L’attività dell’ENPA è mirata a facilitare il rapporto uomo-animale, con l’obiettivo di rimuovere ogni ostacolo ad una serena e amorevole convivenza.

Nel Veneto i Volontari gestiscono sei Rifugi per cani e gatti abbandonati, dove i piccoli pelosi sono accuditi in attesa di trovare una nuova famiglia che li adotti. Ma poiché Enpa è impegnata nella protezione di tutti gli animali, sono attive anche 8 sedi operative dove trovano soccorso e assistenza tutti gli animali bisognosi.

Inoltre i Volontari si prendono cura delle numerose colonie feline che abitano le nostre città, sfamando e curando i gatti e facendosi carico, anche in collaborazione con gli enti preposti, di importanti campagne di sterilizzazione.

Il lavoro dell’associazione quindi non conosce sosta, e i nostri instancabili Volontari lavorano ogni giorno, anche grazie al sostegno di tante persone dal cuore grande e generoso, per salvare e proteggere da ogni minaccia la vita di tanti animali.

Puoi aiutare l’ENPA donando il 5xMILLE dell’IRPEF, indicando nell’apposito spazio il Codice Fiscale 80 116 050 586.

Oppure con un versamento: IBAN IT 17 I 08407 36180 044000092811 - Banca del Veneziano Agenzia di Mira intestato ad ENPA Onlus Veneto.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

IOV - ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO

dal 2010 al 2017 abbiamo donato complessivamente 132.646 euro!

Fai la mossa giusta, dona un Contributo all’Istituto Oncologico Veneto

Ricerca, Prevenzione, Diagnosi, Cura e Assistenza del Malato. Uniti nel Veneto per sconfiggere il cancro

Più di 2.000 interventi chirurgici e oltre 480.000 prestazioni ambulatoriali nel 2013: tutto questo grazie anche al Vostro aiuto!

Sostieni lo iov: conto corrente Banca Antonveneta iban: it 52 i 05040 12134 000001101010

Da oggi puoi sostenere lo IOV con un click: collegati al sito donazioni.ioveneto.it ed effettua una donazione tramite carta di credito.

L’Istituto Oncologico Veneto, è il centro istituito dalla Regione del Veneto per la ricerca, la prevenzione, la diagnosi e la cura dei tumori, punto di riferimento e di coordinamento delle attività oncologiche di tutta la Regione. La qualità e l’eccellenza della ricerca biomedica sono i cardini dello IOV. Con le più attuali tecniche di immunologia, genetica e oncologia molecolare, lo IOV si propone di applicare ai pazienti percorsi diagnostici e terapeutici d’avanguardia, secondo le linee guida più avanzate, in accordo con il Ministero della Salute.

Nella battaglia per sconfiggere il cancro, lo IOV lotta su un fronte molto ampio e finanziariamente impegnativo. Grazie alla generosità dei cittadini abbiamo potuto attivare nuove terapie e attrezzature d’avanguardia come la IORT per la radioterapia intraoperatoria nel trattamento del tumore al seno, avviare una piattaforma per lo studio genomico delle neoplasie, realizzare importanti interventi edilizi come il Gruppo Operatorio per Chirurgia ad Alta Specializzazione, il servizio di Endoscopia Diagnostica e Operativa, la Radiodiagnostica Oncologica e la nuova Farmacia per la produzione centralizzata di farmaci antitumorali. Dal 2013 è in funzione il nuovo Acceleratore Lineare per la Radioterapia.

Grazie al nuovo Day Hospital Oncologico, inaugurato nel 2014 e realizzato secondo il principio di umanizzazione degli spazi di cura, i posti letto sono stati incrementati da 31 a 49; 14 dei quali dedicati esclusivamente alla “Stanza in Rosa” che consente alle donne sottoposte a chemioterapia di usufruire di due stanze riservate dove sono praticate anche musicoterapia e aromaterapia. Di prossima attivazione anche il nuovo servizio di medicina nucleare per la PET-CT e la scintigrafia. Attualmente lo IOV è impegnato nell’ampliamento degli spazi destinati alle degenze della Chirurgia Oncologica, per raddoppiarne la disponibilità.

Dona allo IOV il 5xMILLE dell’IRPEF al momento della dichiarazione dei redditi:

1. Firma il modello utilizzato per la dichiarazione dei redditi (730, Unico o CUD) nel riquadro destinato alla RICERCA SANITARIA.

2. Inserisci, nello stesso riquadro, il codice fiscale dello IOV 04074560287.

Istituto Oncologico Veneto - I.R.C.C.S.

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - Via Gattamelata, 64 - 35128 Padova • Tel. 049 8211111

www.ioveneto.it

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

RECUPERO ALIMENTARE

Il gruppo Alì aderisce, con i suoi Punti Vendita, al progetto Siticibo promosso dal Banco Alimentare per il recupero della merce non più idonea alla vendita ma ancora commestibile

Il progetto, infatti, prevede di  rimettere in circolo, tramite la donazione alle ONLUS (come previsto dalla legge 166 entrata in vigore il 14.09.2016), le derrate alimentari a rischio spreco, destinandole alle strutture caritative bisognose e vicine ai Punti Vendita del Gruppo Alì.

Nel ricco Veneto c’è, secondo l’ultimo rapporto Caritas, una sacca di povertà che colpisce ormai quasi 850.000 persone. A soffrirne di più sono soprattutto le fasce più fragili della popolazione – donne, bambini, stranieri – che vivono in una situazione di disagio socio economico e non raggiungono neppure i livelli minimi di benessere.

“Negli anni passati si è sempre parlato di “Lotta allo spreco alimentare”, abusando del concetto. – Spiega in una nota il Vice Presidente del Gruppo Alì Gianni Canella -  Con la nuova legge, finalmente si parla in modo chiaro di “recupero di merce alimentare” in un’ottica di collaborazione tra le Strutture Caritative organizzate e le realtà della grande distribuzione. Ormai da 5 anni, infatti, per contrastare almeno in parte l’emergenza alimentare, grazie alla straordinaria sensibilità dei nostri clienti,  siamo riusciti a raccogliere e destinare proprio al Banco Alimentare, complessivamente quasi 19.000 kit alimentari (pari a oltre 1100 quintali). “

La nuova Legge sugli sprechi alimentari rappresenta un importante incentivo, anche in termini di semplificazione  burocratica, che consente di donare con maggiore facilità, regolamentando alcune buone pratiche già in essere e consentendo di rendicontare le donazioni, anche per trasparenza nei confronti dei clienti.

Un’altra iniziativa per contrastare gli sprechi alimentari è attiva in tutti i punti vendita Alì e Alìper. Con le etichette sotto riportate infatti sarà possibile individuare quotidianamente, nei banchi freschi, alcuni prodotti in prossimità di scadenza scontati del 30%

Il progetto rinnovato continua nei punti vendita Alì grazie all'impegno dell'azienda e dei volontari del Banco Alimentare e delle associazioni coinvolte!