NEWS E VIDEO

condividi

12 maggio 2017 Il braccialetto "Ju'sto" per aiutare i bambini della Neurologia Pediatrica dell'Ospedale di Padova

Il braccialetto

Da oggi, in tutti supermercati Alì e Centri Alìper, sono disponibili in vendita ad 1 € coloratissimi braccialetti marchiati Ju'sto.
Il ricavato delle vendite sarà devoluto all'Associazione Uniti per Crescere.

Venerdì 12/05 si è tenuta, presso la Galleria del Centro commerciale "Il Bacchiglione" a Tencarola di Selvazzano Dentro, la presentazione del progetto di raccolta fondi per l'Associazione Uniti per Crescere, che opera nell'ambito della Neurologia Pediatrica dell'Ospedale di Padova per assicurare ai bambini affetti da malattie neurologiche le migliori cure e gli stessi diritti dei loro coetanei.
 

"Siamo particolarmente grati ad Alì e JU’STO per la generosa collaborazione data alla realizzazione di questa iniziativa di raccolta fondi. Lo scopo è finanziare una borsa di studio per un medico che andrà a potenziare l’organico del Reparto di Neurologia Pediatrica di Padova." Dichiara il Prof. Giorgio Perilongo, Presidente dell'Associazione Uniti per Crescere e Direttore del Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino dell'Azienda Ospedaliera di Padova. "E’ importante sottolineare che le malattie neurologiche rappresentano circa il 25-30% di tutte le patologie trattate nel nostro Dipartimento e che la complessità assistenziale e diagnostica di queste patologie, grazie ai progressi della medicina, è andata via via aumentando in questi ultimi anni. Inoltre, oltre a pazienti con malattie primitivamente neurologiche, i nostri specialisti sono chiamati a intervenire molto spesso nella diagnosi e cura di bambini con patologie complesse che possono presentare complicanze a livello neurologico quali malattie oncologiche, cardiopatie, malattie metaboliche, grave prematurità, pazienti sottoposti a trapianto d’organo. Si può comprendere facilmente come in un centro di riferimento di terzo livello, quale è il nostro, questi pazienti siano molto numerosi.
Le risorse finanziarie pubbliche alla sanità purtroppo non sono in grado di garantire un sufficiente numero di figure qualificate e dedicate alla cura di questi pazienti. Il nostro impegno si rivolge quindi alla ricerca di fonti finanziarie esterne all’Azienda ospedaliera coinvolgendo tutta la collettività, in modo da poter rispondere ai crescenti bisogni dei bambini con malattie neurologiche."

Il progetto nesce dalla collaborazione di due realtà private: i supermercati Alì, storica azienda padovana che conta 111 punti vendita nel territorio veneto e in provincia di Ferrara e Ju'sto srl, brand italiano di borse e accessori dal respiro e dal gusto internazionale, che da subito hanno creduto nell'importanza di far rete per sostenere i piccoli pazienti affetti da malattie neurologiche, i loro genitori e i medici della Clinica Pediatrica di Padova.

"Abbiamo riconosciuto da subito nell'Associazione Uniti per Crescere - afferma il vice Presidente di Alì S.p.A. Gianni Canella - un partner affidabile per riuscire ad andare incontro ad una particolare istanza sociale insieme a tutti i nostri clienti. Non è il primo progetto di inclusione che sosteniamo: questa galleria si fa continuamente palcoscenico di numerose attività sociali, dalla premiazione delle associazioni del territorio con il progetto We Love People, alla presentazione di libri speciali come quello di Pier Francesco Vrenna, al grande progetto Dadi shop: il primo negozio di oggettistica gestito da ragazzi con sindrome di Down della Cooperativa Vite Vere- Down Dadi, che ospitiamo gratuitamente in questa galleria commerciale."

 

Ju'sto conferma questa fiducia all'Associazione Uniti per Crescere: "JU'STO è un'azienda che nasce su principi importanti quali l'integrità, la professionalità, la creatività e la passione per il design. Come gruppo crediamo che certe sfide si possano affrontare meglio insieme ed è per questo che abbiamo deciso di sostenere Uniti per Crescere. - spiega la Responsabile Ufficio Stile e Prodotto Ju'sto srl, Alice Contin - "Abbiamo deciso di prendere parte al progetto a seguito di una visita di Stefania e Roberta presso la nostra azienda, che ci hanno raccontato delle difficoltà che incontrano molti genitori a seguire i propri figli che presentano problematiche neurologiche. In poco tempo abbiamo pensato e sviluppato un progetto che oggi vediamo realizzato in un bracciale che non vuole essere solo un ricordo della giornata ma un impegno a sostenere l’Associazione e le famiglie stesse".


 

L’Associazione agisce nella convinzione che tutti i bambini, a prescindere dalle compromissioni fisiche e psichiche derivanti dalla disabilità, debbano avere gli stessi diritti: giocare, studiare, imparare, avere amici, crescere e sognare. In ogni famiglia in cui la disabilità di un bambino irrompe sconvolgendone la quotidianità, la possibilità di sentirsi parte di una società solidale e inclusiva e di potersi avvalere di servizi e associazioni che aiuti a informarsi, orientare e ridefinire un progetto di vita, è discriminante per poter riappropriarsi di un futuro che in alcuni momenti può sembrare negato.

La strada più efficace per rispondere a questi bisogni sta nella collaborazione tra le famiglie, le figure coinvolte nella cura di questi bambini e la collettività.

Sono numerosi i progetti promossi dall'Associazione, tra questi il progetto di inclusione scolastica del bambino con problemi neurologici che segue 50 bambini e il progetto "specialmente fratelli: la sfida di crescere con un fratello disabile" che segue 25 bambini.


Sono intervenuti alla presentazione anche il Dott. Stefano Sartori, Pediatra Neurologo coordinatore della Neurologia e Neurofisiologia Pediatrica di Padova, i ragazzi del liceo Duca D'Aosta, del liceo Tito Livio e dell'Istituto Belzoni di Padova impegnati nel progetto di alternanza studio lavoro con l'Associazione Uniti per Crescere e diverse associazioni del territorio di Selvazzano.

 

 

I numeri riferiti all’attività del reparto di Neurologia e Neurofisiologia Pediatrica di Padova 2016:

  • ricoveri ordinari e di day hospital n. 531
  • visite ambulatoriali n. 4150
  • consulenze neurologiche a bambini ricoverati in altri reparti del Dipartimento di Pediatria n. 3050
  • elettroencefalogrammi n. 2043
  • Attualmente il numero di neurologi pediatri i dedicati al reparto e al servizio di neurofisiologia sono 4. Sono coadiuvati da un medico dottorando di ricerca e da alcuni medici in formazione.

COMMENTA L'ARTICOLO

Per lasciare un commento devi essere registrato all'area ALÍ & YOU

ENTRA     REGISTRATI


COMMENTI 0

Nessun commento.