NEWS E VIDEO

condividi

4 giugno 2018 L’orto a giugno

L’orto a giugno

Il mese appena iniziato è perfetto per dedicarsi a lavorare la terra e godere così dei suoi migliori frutti

Giornate luminose e temperature ancora non troppo elevate rendono questo il periodo ideale per dedicarsi con piacere ai lavori nell’orto. La prima cosa da fare è smuovere la terra, zapparla, ripulirla dai residui di vegetazione ormai secchi e dalle erbe infestanti per ossigenarla e farla tornare a respirare. Si può anche pensare a una leggera concimazione del terreno.

Cosa seminare nell’orto nel mese di giugno

Una volta che il terreno è pronto, approfittiamo del bel tempo per passare alla semina. In questo periodo si piantano tutti gli ortaggi che saranno pronti da mangiare in piena estate: dai pomodori ai piselli, dalle fragole alle melanzane, dai peperoni alle zucchine, alle erbe aromatiche come camomilla, prezzemolo, basilico e salvia. Al coperto invece possiamo seminare porri, cavoli, finocchi e zucche da raccogliere in autunno. Se vi siete portati avanti e avete già piantato qualcosa in semenzaio è ora di trapiantarla nell’orto. Un consiglio: evitate la luce diretta del sole sia per i germogli che per le radici; è meglio dunque sfruttare le ore serali e scegliere punti non eccessivamente soleggiati.

Cosa raccogliere nell’orto nel mese di giugno

Chi coltiva l’orto con regolarità in questo mese avrà grandi soddisfazioni. Ricca è infatti la raccolta di giugno che include fragole, pesche, albicocche, pomodori, zucchine, peperoni, bietole, fagioli, piselli, aglio, cipolla, melanzane... Insomma, chi più ne ha più ne metta! Da mangiare freschissimi, questi prodotti si prestano anche a diventare salse, conserve sott'olio o sott'aceto e confetture grazie alle quali gustare la primavera tutto l’anno. È importante, inoltre, prendersi cura delle piante da frutto, molte delle quali necessitano di essere potate per garantire in futuro raccolti più abbondanti, e questo vale sia per le piante che hanno già fruttificato (come meli, peri e aranci) sia per quelle che stanno maturando o sono in fase di raccolta.

Qualche consiglio per un orto ricco e sano

Occhio ai parassiti, che in questo periodo prolificano rischiando di mandare all’aria tutto il nostro lavoro. Per combatterli è meglio rivolgersi a un esperto che saprà consigliarci i rimedi giusti per ogni pianta. E poi attenzione all’innaffiatura, che con il grande caldo in arrivo deve essere assolutamente regolare ma mai esagerata, meglio se effettuata la mattina presto o la sera, evitando le ore più calde. Visto l’abbondante uso di risorse idriche che l’estate comporta, ricordate di raccogliere l’acqua piovana per usarla in un secondo momento per innaffiare; lo stesso vale per l’acqua usata in cucina, per bollire le verdure ad esempio, da riciclare nell’orto, una volta raffreddata, ovviamente!  

COMMENTA L'ARTICOLO

Per lasciare un commento devi essere registrato all'area ALÍ & YOU

ENTRA     REGISTRATI


COMMENTI 0

Nessun commento.