NEWS E VIDEO

condividi

16 febbraio 2017 La maschera veneziana fai-da-te

La maschera veneziana fai-da-te

Giovedì 23, domenica 26 e martedì 28 saranno le giornate clou del Carnevale. Se non sapete ancora come vestirvi, ve lo suggeriamo noi!

Passano le stagioni, passano le mode, ma i pizzi, i veli e le linee eleganti e inconfondibili delle maschere veneziane mantengono sempre il loro fascino. Vediamo come realizzare una maschera veneziana in versione “fai-da-te”.

Si può partire da una base semplice, ovvero da una di quelle maschere bianche, a tutta faccia, che si sistemano con l’elastico dietro le orecchie. La si può dipingere seguendo le linee classiche, bordando gli occhi di nero e la bocca di rosso, e aggiungendo qualche decoro fiorito tutto attorno con colori acrilici da fissare poi con un lucidante. Alla maschera si possono aggiungere con la colla a caldo pizzi, piume, del tulle, e lo stesso si può fare con un qualsiasi cappello a falda larga, come quelli di paglia ad esempio, bianco o nero, se necessario da dipingere in modo uniforme con una bomboletta spray (qui tutti i dettagli).

Per aggiungere un po’ di difficoltà, ma anche di personalità, alla nostra maschera, potremmo fare un passo indietro e partire dalla cartapesta come viene spiegato nel dettaglio qui. Per realizzare la cartapesta sono necessarie farina bianca, acqua tiepida e strisce di giornale (meglio se di quotidiano, non patinata). Ovviamente sarà necessario acquistare uno stampo per maschere in plastica: se ne trovano in mille varianti, solo per gli occhi o a tutta faccia, semplici o con già un’impostazione di decoro; li si trova facilmente sia on-line che nei negozi di bricolage. Quindi, dopo aver immerso le strisce di carta nell’impasto colloso di acqua e farina si ricopre la parte concava dello stampo e, una volta completata l’opera, la si lascia ad asciugare (prima che sia troppo dura ricordatevi di ritagliare gli occhi e di praticare due forellini laterali per l’elastico). Una volta che la maschera è completamente secca si passa alla decorazione: valgono le regole di prima, a parte la necessità di stendere un primer sulla cartapesta, ovvero uno strato di vernice spray che farà da base ai nostri decori.

Infine, in un crescendo di difficoltà, è possibile anche truccarsi direttamente il volto con decori che ricordino quelli tipici delle maschere veneziane. Si tratta di trucchi mediamente molto complessi, che però anche una mano non espertissima può cercare di riprodurre… magari prima su una “cavia” che si presti al gioco! Focus del trucco sono gli occhi, ma fondamentale è che il viso nel suo insieme appaia compatto nel colorito e molto pallido, quasi fosse di porcellana. Se non volete usare un vero e proprio cerone da teatro, si può optare per un semplice fondotinta per pelli chiarissime, quasi bianco, a effetto cipria. Fatta la base, recuperate qualche vecchio merletto o acquistate uno scampolo di pizzo e appoggiatelo sul viso, in zona occhi, magari fissandolo con piccolissimi pezzetti di scotch perché resti fermo: tamponate quindi questa mascherina con una spugnetta intrisa di colore ricreando così la trama del pizzo sulla pelle! Una soluzione facile e veloce per un trucco perfetto, da arricchire con un bel rossetto sgargiante e, perché no, evidenti ciglia finte (qui tutti i dettagli).

COMMENTA L'ARTICOLO

Per lasciare un commento devi essere registrato all'area ALÍ & YOU

ENTRA     REGISTRATI


COMMENTI 0

Nessun commento.