NEWS E VIDEO

condividi

5 marzo 2018 Mele della Val Venosta. Un mondo da scoprire

Mele della Val Venosta. Un mondo da scoprire

Nella terra dove splende il sole 300 giorni l’anno e l’aria è sempre limpida e frizzantina, la coltivazione biologica ci regala frutti di ineguagliabile bontà

Chi, al giorno d’oggi, può dire di conoscere il contadino o la contadina che pianta, coltiva e raccoglie la frutta che porta quotidianamente in tavola? In pochi, soprattutto in città. Tra loro però, da qualche tempo, ci sono tutti coloro che scelgono di acquistare le mele della Val Venosta. E no, non c’è bisogno di andare fino in Trentino Alto Adige, basta comprare una delle 16 varietà di mele biologiche coltivate nella valle e leggerne l’etichetta… su ognuna infatti trovate nome e cognome della persona che quella mela l’ha curata e raccolta, ma non solo. Andando sul sito BioGraphy biography.vip.coop è possibile scoprire il volto di quel contadino e leggerne la storia, così come si possono trovare tante curiosità e approfondimenti sulla coltivazione di questi deliziosi frutti.

Un servizio davvero innovativo che nasce in una terra considerata da sempre il paradiso per gli amanti delle mele. Come detto, sono sedici le varietà coltivate in Val Venosta, dalla A di Ambrosia, la mela di Biancaneve, alla T di Topaz, mela che sa conquistare con un tocco di acidulo sorprendente. Ma in questo lembo di terra che si estende nella parte occidentale dell’Alto Adige, dalla zona di Merano fino alle sorgenti del fiume Adige, con i meleti che si alternano ai ghiacciai, di scelta ce n’è davvero tanta, e per tutti i gusti: dalle classiche Golden Delicious alle aromaticissime Fuji, dalle Pinova, tipicamente venostane, alle Morgenduft, le regine della cucina, solo per citarne alcune.

A rendere la Val Venosta terreno fertile per la coltivazione delle mele è un microclima perfetto: aria limpida e frizzantina di montagna, scarse precipitazioni e una media di 300 giorni di sole all’anno. Sono queste le peculiarità che hanno fatto della valle una delle zone più importanti in Europa per la coltivazione biologica delle mele, che qui, per crescere bene, non necessitano di prodotti chimici né di fertilizzanti che non siano organici e sostenibili. Visitando il sito BioGraphy è quindi possibile trovare tutti i dettagli sulla produzione biologica delle mele in Val Venosta, ma anche approfondimenti sulle storie, le tecniche di coltivazione e i segreti di questa terra e di questi prodotti speciali.

COMMENTA L'ARTICOLO

Per lasciare un commento devi essere registrato all'area ALÍ & YOU

ENTRA     REGISTRATI


COMMENTI 0

Nessun commento.