NEWS E VIDEO

condividi

7 ottobre 2016 Torna la Giornata Bandiere Arancioni

Torna la Giornata Bandiere Arancioni

Mancano due giorni: il tempo di scegliere un itinerario e partire alla scoperta di alcuni degli angoli più belli del Paese.

Si tiene il 9 ottobre la VII edizione della Giornata Bandiere Arancioni, organizzata dal Touring Club Italiano. Un’occasione speciale per scoprire piccole località dell’entroterra italiano in modalità slow, attraverso sentieri, cammini e percorsi inediti nel territorio di oltre 100 piccoli Comuni. Un’immersione di storia, natura, ma anche folclore locale e tradizioni gastronomiche che avrà come tema quello dei “cammini arancioni”, e si inserirà nelle manifestazioni che celebrano l’Anno Nazionale dei Cammini, indetto dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. La Giornata Bandiere Arancioni quest’anno si svolge inoltre in concomitanza con la Giornata del Camminare nata per diffondere una cultura del camminare che parte dalle città.

E allora, dove ci potrebbe portare una passeggiata in questa bella giornata ottobrina, senza allontanarci troppo da casa? I borghi Bandiera Arancione coinvolti nella manifestazione in Veneto sono due. Partiamo da Mel, in provincia di Belluno, dove sono previste varie visite guidate come quella al Museo Archeologico, ai Laghetti della Rimonta e al Piave, o alla scoperta del tesori del centro storico; da non perdere anche la mostra mercato Mele a Mel, allestita negli splendidi cortili dei palazzi nobiliari del centro, aperti al pubblico solo per l’occasione. Sposiamoci quindi a Soave, dove sono previste escursioni naturalistiche tra i vigneti, momenti di convivialità con doverosi brindisi a base di Soave Doc, nonché una golosa Festa del Cioccolato con i banchetti che si snodano nelle vie del centro storico.


Oltre i confini regionali sono vari i borghi Bandiera Arancione da raggiungere in auto, o ancora meglio in treno, in perfetto “stile slow”. Come Bienno, in provincia di Brescia, dove la visita guidata è alla Fucina Museo, per scoprire i segreti di una fucina medioevale ancora funzionante; o ancora quella al Vaso Rè, straordinaria opera di ingegneria idraulica medievale, solo per citarne un paio. Sempre in zona c’è Tignale, dove le attività saranno in bilico tra sacro e profano, con un approfondimento sugli ex voto del Santuario della Madonna di Montecastello e la gastronomia tipica del Garda. In provincia di Mantova possiamo raggiungere il borgo murato di Castellaro Lagusello, immerso nel contesto naturalistico del lago morenico e del Parco Naturale del Mincio, oppure Sabbioneta, la celebre città ideale del Rinascimento. Ultima tappa in provincia di Trento, dove raggiungere Ala e non perdere la visita guidata da figuranti in costume al centro storico; e fare quindi tappa a Ledro, dove l’attrazione principale è il Museo delle Palafitte, o a Molveno, dove al centro dell’attenzione ci sono sempre le acque del lago.

COMMENTA L'ARTICOLO

Per lasciare un commento devi essere registrato all'area ALÍ & YOU

ENTRA     REGISTRATI


COMMENTI 0

Nessun commento.